ISSN 1831-5380
Mappa del sito | Avviso legale | Cookie | Domande frequenti | Per contattarci | Stampare la pagina

3.5. Elenchi

3.5.1. Punteggiatura all’interno degli elenchi

1. Se gli elementi dell’elenco sono preceduti da una frase o parte introduttiva (cfr. punto 2.7 e formulario del Consiglio), tale frase o parte termina con i due punti. Tale frase o parte può introdurne una seconda e ciascuna di esse termina con i due punti.

Il regolamento (CE) n. 1623/2000 è modificato come segue:
1)
l’articolo 92 è modificato come segue:
a)
il testo del paragrafo 2 è modificato come segue:
i)
la lettera c) è sostituita dal testo seguente:
«c)
l’ubicazione e una copia […]»;

2. Se gli elementi dell’elenco sono contraddistinti da un numero o da una lettera, il segno di punteggiatura che separa tali elementi è il punto e virgola:

«In particolare, le seguenti operazioni non rientrano nell’ambito d’applicazione dell’articolo 9, paragrafo 2, lettera e), dodicesimo trattino, della direttiva 77/388/CEE:
1)
i servizi di radiodiffusione e di televisione ai sensi dell’articolo 9, paragrafo 2, lettera e), undicesimo trattino, della direttiva 77/388/CEE;
2)
i servizi di telecomunicazione ai sensi dell’articolo 9, paragrafo 2, lettera e), decimo trattino, della direttiva 77/388/CEE;
3)
la cessione dei beni e le prestazioni dei servizi seguenti:
a)
i beni per i quali l’ordine o la sua elaborazione avvengano elettronicamente;
b)
i CD-ROM […];»

3. Se gli elementi dell’elenco sono contraddistinti da un trattino lungo (lineato), il segno di punteggiatura che separa tali elementi è la virgola:

«La riduzione dell’1 % per giorno lavorativo, prevista all’articolo 21, paragrafi 1 e 2, del regolamento (CE) n. 796/2004, non si applica alle domande uniche, o alle loro modifiche, presentate fino al:
6 giugno 2005 alle competenti autorità della Guiana francese,
19 giugno […],»

4. L’ultimo elemento dell’elenco termina generalmente con un punto, salvo che il contesto sintattico richieda diversamente.

L’ultimo elemento di un sottoelenco termina generalmente con il segno di punteggiatura richiesto dall’elenco gerarchicamente superiore, salvo che il contesto sintattico richieda diversamente.

5. In molti casi, gli elementi all’interno di tabelle, liste o allegati non sono seguiti da alcun segno di punteggiatura.

3.5.2. Elenchi di atti

In caso di elenco di più atti dello stesso tipo e dello stesso autore, l’autore è indicato una sola volta.

regolamenti (CE) n. 715/2007 (7) e (CE) n. 595/2009 (8) del Parlamento europeo e del Consiglio

La sigla è invece parte del numero dell’atto (cfr. punto 1.2.2), e pertanto, in caso di elenco di più atti, va ripetuta per ogni atto:

regolamenti (CE) n. 45/2001 e (CE) n. 223/2009

È preferibile elencare gli atti in ordine cronologico.

Ultimo aggiornamento: 20.7.2020
Inizio pagina
Pagina precedentePagina seguente