ISSN 1831-5380
Mappa del sito | Avviso legale | Cookie | Domande frequenti | Per contattarci | Stampare la pagina

Pubblicazioni della Corte di giustizia dell’Unione europea:
EU:C:2005:446

Pubblicazioni diverse da quelle della Corte di giustizia dell’Unione europea:
ECLI:EU:C:2005:446

5.9.3. Riferimenti alle cause della Corte di giustizia e del Tribunale

Pubblicazioni della Corte di giustizia dell’Unione europea

Raccolta elettronica

Nel corso del primo semestre del 2014 la Corte di giustizia dell’Unione europea ha progressivamente introdotto il nuovo metodo di citazione della giurisprudenza, che combina l’identificatore ECLI (ad eccezione della dicitura «ECLI») con il nome corrente della decisione e il numero di ruolo della causa. Il metodo si applica a tutta la giurisprudenza a partire dal 1954. Esso è stato progressivamente applicato per ciascun organo giurisdizionale dell’Unione a partire dal primo semestre del 2014, poi armonizzato tra gli organi giurisdizionali dell’Unione nel corso dell’anno 2016:

sentenza del 12 luglio 2005, Schempp, C-403/03, EU:C:2005:446, punto 19

Se la decisione non è pubblicata integralmente nella Raccolta, viene aggiunta la menzione «non pubblicato/a»:

sentenza del 6 giugno 2007, Walderdorff/Commissione, T-442/04, non pubblicata, EU:T:2007:161
Per ulteriori informazioni

Sito web della Corte di giustizia dell’Unione europea: Curia (https://curia.europa.eu/jcms/jcms/P_125997/it)

Identificatore europeo della giurisprudenza (ECLI)

Cfr. punto 4.5.

Raccolta cartacea

Le cause sono state pubblicate su supporto cartaceo nella Raccolta della giurisprudenza della Corte e del Tribunale fino al 2011 e nella Raccolta della giurisprudenza — Funzione pubblica fino al 2009.

Nei riferimenti alle cause, la Corte di giustizia, il Tribunale e il Tribunale della funzione pubblica utilizzavano una formula interna abbreviata nelle loro pubblicazioni (segnatamente nella Raccolta della giurisprudenza), non indicante l’anno della Raccolta (essendo l’anno quello della sentenza):

sentenza del 15 gennaio 1986, Commissione/Belgio (52/84, Racc. pag. 89, punto 12)
sentenza del 28 gennaio 1992, Speybrouck/Parlamento (T-45/90, Racc. pag. II-33, punto 2)
sentenza del 9 febbraio 1994, Latham/Commissione (T-3/92, Racc. PI pagg. I-A-23 e II-83, punto 2)
NB:
A seguito dell’entrata in vigore del trattato di Lisbona il 1º dicembre 2009, la «Corte di giustizia delle Comunità europee» è divenuta «Corte di giustizia dell’Unione europea» e il «Tribunale di primo grado» è divenuto «Tribunale».

Pubblicazioni diverse da quelle della Corte di giustizia dell’Unione europea

Alla giurisprudenza possono rinviare anche opere di cui la Corte di giustizia dell’Unione europea non è autrice: le pubblicazioni generali, gli atti giuridici pubblicati nella Gazzetta ufficiale (in particolare le decisioni della Commissione relative agli aiuti di Stato o alle concentrazioni ecc.).

Trattandosi di opere destinate a un pubblico di non specialisti, il metodo di citazione contempla qualche informazione in più.

NB:
Alle comunicazioni della Corte di giustizia dell’Unione europea nella Gazzetta ufficiale si applicano le regole di citazione della Corte di giustizia.

Dal 1º gennaio 2015 il metodo per richiamare la giurisprudenza lascia una certa libertà all’estensore nel corpo del testo, ma normalizza le note a piè di pagina in cui è citato l’ECLI.

Corpo del testo

Il riferimento alla giurisprudenza deve comprendere almeno:

il tipo di decisione (sentenza, ordinanza ecc.),
il nome dell’organo giurisdizionale.

Se utili, possono figurare anche i seguenti elementi:

il nome corrente della causa,
la data della decisione.
Note a piè di pagina

Il formato standard contiene sempre i seguenti elementi, ordinati come segue:

tipo di decisione (sentenza, ordinanza ecc.),
nome dell'organo giurisdizionale,
data della decisione,
nome corrente della causa,
numero della causa,
ECLI della decisione,
eventuali punti specifici della decisione se necessario.

Il regolamento (CE) n. 304/2003 è stato annullato da una sentenza della Corte di giustizia (1) […]

(1)
Sentenza della Corte di giustizia del 10 gennaio 2006, Commissione/Parlamento e Consiglio, C-178/03, ECLI:EU:C:2006:4, punti da 60 a 65.

Nella sentenza del 10 gennaio 2006 nella causa C-178/03 (Commissione contro Parlamento e Consiglio) (1), la Corte di giustizia delle Comunità europee ha annullato il regolamento (CE) n. 304/2003  […]

(1)
Sentenza della Corte di giustizia del 10 gennaio 2006, Commissione/Parlamento e Consiglio, C-178/03, ECLI:EU:C:2006:4, punto 60.

Se la stessa decisione è citata più volte nell’atto, è bene decidere alla prima occorrenza come richiamarla successivamente:

Il regolamento (CE) n. 304/2003 è stato annullato da una sentenza della Corte di giustizia (1) (in seguito denominata «sentenza Commissione/Parlamento e Consiglio») […]
Nella sentenza del 10 gennaio 2006 nella causa C-178/03 (Commissione contro Parlamento e Consiglio) (1) (in seguito denominata «sentenza del 10 gennaio 2006»), la Corte di giustizia delle Comunità europee ha annullato il regolamento (CE) n. 304/2003 […]
Il regolamento (CE) n. 304/2003 è stato annullato da una sentenza della Corte di giustizia (1) (in seguito denominata «sentenza nella causa C-178/03») […]

Tale metodo di citazione si applica ai riferimenti fatti sia alle decisioni della Corte di giustizia pubblicate su supporto cartaceo nella Raccolta, sia alle decisioni, più recenti, pubblicate soltanto in formato elettronico.

Tabella riassuntiva

Metodo di citazione in pubblicazioni diverse da quelle della Corte di giustizia (versioni in 24 lingue)

Come trovare l’ECLI?

Per trovare rapidamente l’identificatore ECLI di una decisione, immettere il numero della causa nel formulario di ricerca:

del sito web della Corte di giustizia dell’Unione europea (campo «Numero di causa») (https://curia.europa.eu/juris/recherche.jsf?language=it),
del sito web EUR-Lex (campo «Ricerca testuale») (https://eur-lex.europa.eu/advanced-search-form.html?locale=it).
Come trovare il nome corrente della causa?

A stabilire il nome corrente della causa è la Corte di giustizia.
Lo si può trovare consultando gli elenchi accessibili dal sito web della Corte di giustizia dell’Unione europea (pagina «Accesso alla giurisprudenza per numero di causa») (https://curia.europa.eu/jcms/jcms/Jo2_7045/it). Tali elenchi sono disponibili unicamente in inglese e francese.

Prima del 1º gennaio 2015

Nelle pubblicazioni diverse da quelle della Corte di giustizia, i riferimenti alla giurisprudenza indicavano la data della decisione e l’anno della Raccolta per facilitare l’eventuale ricerca bibliografica del lettore, che non era necessariamente al corrente del legame tra l’anno della pubblicazione e l’anno della decisione:

Prima del 15 novembre 1989:
sentenza del 15 gennaio 1986 nella causa 52/84, Commissione/Belgio (Raccolta 1986, pag. 89, punto 12)
Dopo il 15 novembre 1989 (cause della Corte e del Tribunale pubblicate separatamente):
sentenza del 30 gennaio 1992 nella causa C-328/90, Commissione/Grecia (Raccolta 1992, pag. I-425, punto 2)
sentenza del 28 gennaio 1992 nella causa T-45/90, Speybrouck/Parlamento (Raccolta 1992, pag. II-33, punto 2)
Dal 1° gennaio 1994 al 31 dicembre 2005 (cause riguardanti la funzione pubblica europea):
sentenza del 9 febbraio 1994 nella causa T-3/92, Latham/Commissione (Raccolta PI 1994, pagg. I-A-23II-83, punto 2)
Dal 1° gennaio 2006 al 31 dicembre 2014 (cause riguardanti la funzione pubblica trattate dalla Corte, dal Tribunale e dal Tribunale della funzione pubblica):
sentenza del 9 novembre 2006 nella causa C-344/05, Commissione/De Bry (Racc. FP 2006, pagg. I-B-2-19II-B-2-127)
sentenza dell’8 giugno 2006 nella causa T-156/03, Pérez Díaz/Commissione (Racc. FP 2006, pagg. I-A-2-135I-A-2-649)
sentenza del 26 ottobre 2006 nella causa F-1/05, Landgren/ETF (Racc. FP 2006, pagg. I-A-I-123II-A-I-459)
Ultimo aggiornamento: 28.8.2017
Inizio pagina
Pagina precedentePagina seguente