ISSN 1831-5380
Mappa del sito | Avviso legale | Cookie | Domande frequenti | Per contattarci | Stampare la pagina

Preambolo

Garantire la diffusione dell’informazione in tutte le lingue è, per l’Unione europea, una priorità e una necessità vitale.

La portata e la complessità dei compiti che da ciò derivano sono certamente misconosciute. Infatti, data la massa sempre crescente e il carattere multilingue della documentazione da diffondere, è solo tramite un progresso permanente delle tecniche utilizzate e uno sforzo costante di razionalizzazione che tale compito può essere svolto quotidianamente con successo.

Il Manuale interistituzionale di convenzioni redazionali rientra in tale contesto. L’opera, che fa seguito a una procedura avviata nel 1993 col Vademecum dell’editore, è frutto di una lunga serie di negoziati cui hanno partecipato e partecipano tutte le istituzioni dell’Unione europea. Svolgere un’azione di standardizzazione linguistica in un numero così elevato di lingue poteva apparire un’utopia; invece, il risultato di questo straordinario cantiere rappresenta un vero successo dimostrato dal fatto che le ventiquattro versioni linguistiche sono disponibili sul sito Internet del Manuale (https://publications.europa.eu/code//).

Ventiquattro comunità linguistiche sono giunte a stabilire uno schema di lavoro comune, garan­tendo così una stabilità dell’immagine che le istituzioni dell’Unione europea volevano fornire al cittadino. Fattore di coesione fra i diversi gruppi linguistici, ma anche fra le istituzioni, gli organi e gli organismi decentralizzati che si sono moltiplicati nel corso degli ultimi anni, questa opera dimostra che il multilinguismo non è necessariamente fonte di disparità. L’Europa vuole infatti rispondere alle aspettative di tutti ed è giunta tramite questo strumento a riunire le sue risorse linguistiche, facendo di questa apparente disparità un fattore di unione incomparabile fra tutti coloro i quali sono chiamati a intervenire nei testi diffusi dall’Unione europea.

Le conclusioni del comitato interistituzionale «Manuale di convenzioni redazionali» sono applicabili nell’insieme delle istituzioni, degli organi e degli organismi dell’Unione, e l’Ufficio delle pubblicazioni è chiamato a dar attuazione a dette conclusioni. Rispettare il Manuale equi­vale a garantire l’immagine di un’Europa ben decisa a offrire al cittadino europeo un servizio nella sua propria lingua, garantendo nel contempo l’armonia e l’unicità del messaggio diffuso a tutti.

Martine REICHERTS
Direttore generale
dell’Ufficio delle pubblicazioni

NB:
Il testo originale di questo preambolo è stato pubblicato in lingua francese.
Ultimo aggiornamento: 1.7.2013
Inizio pagina
Pagina precedentePagina seguente