28.9.2006   

EN

Official Journal of the European Union

C 233/5


STATE AID — ITALY

State aid No C 31/2006 (ex N 612/2005) — Urgent measures to prevent bird flu

Invitation to submit comments pursuant to Article 88(2) of the EC Treaty

(2006/C 233/05)

By means of the letter dated of 4 July 2006, reproduced in the authentic language on the pages following this summary, the Commission notified Italy of its decision to initiate the procedure laid down in Article 88(2) of the EC Treaty concerning the abovementioned aid.

Interested parties may submit their comments on the aid in respect of which the Commission is initiating the procedure within one month of the date of publication of this summary and the following letter, to:

European Commission

Directorate-General for Agriculture and Rural Development

Directorate H2

Office: Loi 130 5/128

B-1049 Brussels

Fax: (32-2) 296 76 72

These comments will be communicated to Italy. Confidential treatment of the identity of the interested party submitting the comments may be requested in writing, stating the reasons for the request.

SUMMARY

The Italian authorities adopted urgent measures to prevent bird flu which will be in force until 1 January 2007 under the following legislation:

a)

Article 5 of Legislative Decree No 202 of 1 October 2005 (LD 202/05) implemented by Law No 244 of 30 November 2005 (Law 244/06) (1), as amended by Article 1a(7) of Law No 81 of 11 March 2006 (Law 81/06) on the ratification of Legislative Decree No 2 of 10 January 2006.

b)

Decree of the Ministry of Agricultural Policy of 13 January 2006 (Decree of 13 January 2006) on methods for implementing the measures to withdraw from the poultry meat market in accordance with Article 5(1) and (2) of Law 244/2005 (2).

c)

Article 1a(8), (10), (11) and (12) of Law 81/06 (3).

Poultry farms, slaughterhouses and poultry meat processing companies, poultry meat warehouses and poultry-feed manufacturers may benefit from these measures.

Article 5 of LD 202/05, last amended by Article 1a(7) of Law 81/06 provides for:

a)

the purchase by AGEA of 17 000 tonnes of poultry meat and other poultry products for humanitarian aid (paragraphs 1 and 2);

b)

the suspension of tax payments, social security contributions and payments for operators in the poultry sector (paragraph 3a);

c)

granting aid for reconversion and restructuring loans for poultry businesses affected by the emergency situation in the poultry sector (paragraph 3c).

Article 1a, paragraphs 8, 10, 11 and 12 of Law 81/06 provides for an Emergency Poultry Fund (‘the Fund’) to be set up under the Ministry of Agricultural Policy for use in 2006:

a)

for rescue and restructuring aid for the poultry sector (in accordance with Community guidelines on state aid for rescuing and restructuring firms in difficulty);

b)

to compensate farmers for loss of revenue or additional expenditure incurred as a result of implementing the Community, national or regional plans for preventing and eradicating bird flu and indirect damages resulting from restrictions on handling animals or production stoppages imposed by the health authorities;

c)

for aid for the cessation of production (in accordance with point 9 of the Community Guidelines on state aid for the agriculture sector — guidelines);

d)

for investments in poultry farms for biosecurity and health measures;

e)

for the slaughter of animals on the order of the health authority or for the well being of animals in the event of overpopulation of production structures or a ban on handling animals.

Article 1a(12) of Law 81/06 states that the implementing measures for aid funded by the Fund are to be adopted by a decree from the Ministry for Agricultural policy and the Ministry for Health. The Italian authorities undertook, in an e-mail dated 20 April 2006, to notify the above decrees to the Commission under Article 88(3) of the Treaty. The Commission notes that this Law does not constitute state aid ex se. Consequently these measures are not liable to distort competition or affect trade between Member States. The Italian authorities notified the Commission in an e-mail dated 23 May 2006 of a draft Ministerial Decree on the implementing measures for the aid financed by the Fund. As a result, this file in the dossier will examined as part of state aid No 322/2006.

At this stage, the Commission has doubts regarding the compatibility with the internal market of the measures provided for in Article 5 of Legislative Decree No 202/05, last amended by Article 1a(7) of Law No 81/06, as the Italian authorities have not provided any information justifying these measures in the light of the rules applicable to state aid, and in particular point 11.4 of the Community guidelines on state aid in the poultry sector (4), as well as the Community guidelines for state aid for rescuing and restructuring firms in difficulty (5).

TEXT OF THE LETTER

‘Con la presente mi pregio informarLa che la Commissione, dopo aver esaminato le informazioni trasmesse dalle autorità italiane sulla misura di cui all'oggetto, ha deciso di avviare il procedimento previsto dall'articolo 88, paragrafo 2, del trattato CE.

1.   PROCEDIMENTO

1)

Con lettera del 9 dicembre 2005, protocollata il 13 dicembre 2005, la Rappresentanza permanente d'Italia presso l'Unione europea ha notificato alla Commissione le misure in oggetto a norma dell'articolo 88, paragrafo 3, del trattato.

2)

Con messaggio di posta elettronica del 2 marzo 2006, protocollato il 3 marzo 2006, le autorità italiane hanno notificato alla Commissione l'articolo 1 bis, paragrafi 8, 10, 11 e 12 del progetto di legge di conversione del decreto legge 10 gennaio 2006, n. 2 .

3)

Con fax rispettivamente del 14 febbraio 2006 (rif. AGR 4535) e del 20 marzo 2006 (rif. AGR 7800) la Commissione ha chiesto informazioni complementari.

4)

Con messaggio di posta elettronica del 20 aprile 2006, protocollato il 25 aprile 2005, le autorità italiane hanno trasmesso alcune informazioni complementari.

2.   DESCRIZIONE DETTAGLIATA DELLA MISURA

Titolo

5)

Misure urgenti per la prevenzione dell'influenza aviaria

Fondamento giuridico

6)

Articolo 5 del decreto-legge 1o ottobre 2005, n. 202 (DL 202/05) convertito in legge 30 novembre 2005, n. 244 (legge 244/06) (6), modificato dall'articolo 1 bis, paragrafo 7, della legge 11 marzo 2006, n. 81 (legge 81/06) di conversione del decreto-legge 10 gennaio 2006, n. 2.

7)

Decreto del Ministero delle politiche agricole e forestali del 13 gennaio 2006 (decreto 13 gennaio 2006) recante modalità per l'applicazione delle disposizioni in materia di ritiro dal mercato di carne avicola ai sensi dell'articolo 5, commi 1 e 2, della legge 244/2005 (7).

8)

Articolo 1 bis, paragrafi 8, 10, 11 e 12 della legge 81/06 (8).

Stanziamento

9)

Le risorse cui attingere per il finanziamento delle diverse misure provengono dal bilancio nazionale. Le autorità italiane hanno menzionato una dotazione finanziaria di 120 milioni di EUR così distribuiti: 20 milioni di EUR destinati agli aiuti alimentari e 100 milioni di EUR destinati all'istituzione del Fondo per l'emergenza avicola.

Durata

10)

Fino al 1o gennaio 2007.

Beneficiari

11)

Allevamenti avicoli, imprese di macellazione e di trasformazione di carne avicola, esercenti attività di commercio all'ingrosso di carni avicole e imprese di produzione di alimenti per il pollame.

Misure

12)

L'articolo 5 del DL 202/05, modificato dall'articolo 1 bis, paragrafo 7, della legge 81/06, prevede:

a)

l'acquisto, da parte dell'AGEA, di 17 000 tonnellate di carne di pollame e di altri prodotti avicoli da destinare agli aiuti umanitari (commi 1 e 2);

b)

la sospensione del pagamento delle imposte, dei contributi di assistenza sociale e delle rate delle operazioni creditizie e di finanziamento per gli operatori del settore avicolo (comma 3 bis);

c)

la concessione di contributi destinati a mutui per il salvataggio e la riconversione e la ristrutturazione delle imprese avicole coinvolte nella situazione di emergenza della filiera avicola (comma 3 quater).

13)

L'articolo 1 bis, commi 8, 10, 11 e 12, della legge 81/06 prevede l'istituzione presso il Ministero delle politiche agricole e forestali di un “Fondo per l'emergenza avicola” (il Fondo) con dotazione pari a 100 milioni di EUR per l'anno 2006, avente le seguenti finalità:

a)

erogazione di contributi per il salvataggio e la ristrutturazione del settore avicolo (conformemente agli Orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà);

b)

indennizzo degli allevatori per la perdita di reddito o per le spese supplementari sostenute in occasione dell'attuazione dei programmi di prevenzione ed eradicazione dell'influenza aviaria realizzati a livello comunitario, nazionale e regionale nonché per i danni indiretti provocati dalle restrizioni della movimentazione degli animali e/o dai periodi di fermo produttivo imposti dalle autorità sanitarie;

c)

erogazione di contributi a seguito della cessazione dell'attività produttiva (conformemente al punto 9 degli Orientamenti comunitari per gli aiuti di Stato nel settore agricolo);

d)

realizzazione di investimenti nelle aziende avicole per l'attuazione di misure di biosicurezza e delle misure sanitarie;

e)

macellazione degli animali imposta con provvedimento dell'autorità sanitaria per il benessere degli animali in caso di sovrappopolazione delle strutture produttive o al divieto di movimentazione del bestiame.

14)

L'articolo 1 bis, comma 12, della legge 81/06 stabilisce che le disposizione attuative degli aiuti finanziati dal Fondo saranno adottate con decreti del Ministero delle politiche agricole e forestali e del Ministero della sanità. Con messaggio di posta elettronica del 20 aprile 2006 le autorità italiane si sono impegnate a notificare alla Commissione i suddetti decreti, in applicazione dell'articolo 88, paragrafo 3, del trattato.

15)

Con e-mail del 24 maggio 2006 le autorità italiane hanno notificato alla Commissione un progetto di decreto ministeriale comportante le misure attuative degli aiuti finanziati dal Fondo. Pertanto le misure previste dall'articolo 1-bis, comma 12, della legge 81/06 saranno esaminate dalla Commissione nell'ambito del fascicolo di aiuti di Stato N 322/2006.

16)

La Commissione ha a più riprese raccomandato alle autorità italiane di non dare seguito alla misura prevista dall'articolo 5 del DL 202/05 in merito all'acquisto di carni congelate da destinare ad aiuti alimentari (9). Il decreto 13 gennaio 2006, che disciplina le modalità alle quali l'AGEA deve attenersi per l'acquisto dei prodotti avicoli di origine comunitaria, prevede i seguenti prezzi minimi d'acquisto:

Carcasse e tagli di carne

EUR/kg per le carni fresche

EUR/kg per le carni congelate

Galletti Golden e/o livornesi

2,40

2,10

Galletti “Vallespluga”

2,40

2,10

Polli

1,40

1,20

Quarti posteriori di pollo

1,40

1,20

Ali di pollo

1,00

0,80

Cosce di tacchina femmina

1,00

0,80

Cosce di tacchino maschio

1,10

0,90

Ali di tacchino maschio

1,00

0,80

Tacchino maschio (busti)

1,30

1,10

Galline faraone ed anatre

2,40

2,10

17)

Può offrire i propri prodotti ad AGEA qualsiasi persona fisica o giuridica attiva nel settore dell'allevamento e della trasformazione delle carni avicole da più di dodici mesi a decorrere dall'entrata in vigore del decreto 13 gennaio 2006 ed iscritta, per le suddette attività, nel registro delle imprese tenuto dalla Camera di commercio.

3.   VALUTAZIONE DELLA MISURA

18)

In virtù dell'articolo 87, paragrafo 1, del trattato, sono incompatibili con il mercato comune, nella misura in cui incidano sugli scambi tra Stati membri, gli aiuti concessi dagli Stati, ovvero mediante risorse statali, sotto qualsiasi forma che, favorendo talune imprese o talune produzioni, falsino o minaccino di falsare la concorrenza.

19)

L'articolo 1 bis, commi 8, 10, 11 e 12 della legge 81/06 prevede l'istituzione del Fondo da utilizzare per finanziare le misure descritte al punto 13, lettere a) — e), le cui modalità di concessione saranno fissate da decreti ad hoc del Ministero delle politiche. Le autorità italiane hanno notificato alla Commissione un progetto di decreto ministeriale comportante le misure attuative degli aiuti finanziati dal Fondo. Pertanto le misure previste dall'articolo 1-bis, comma 12, della legge 81/06 saranno esaminate dalla Commissione nell'ambito del fascicolo di aiuti di Stato N 322/2006.

20)

Nella fase attuale le misure descritte ai punti 12, 16 e 17 sembrano invece corrispondere alla definizione di aiuto di Stato sopra menzionata nel senso che esse sono concesse mediante risorse statali sia sotto forma di mancato guadagno in termini di gettito fiscale per i pubblici poteri sia sotto forma di prezzi da corrispondere per l'acquisto di carni di pollame e nel senso che esse possono incidere sugli scambi a causa della posizione che l'Italia occupa nel comparto produttivo in parola (nel 2004 l'Italia era il quarto paese produttore di carni avicole nell'Unione).

21)

Tuttavia, nei casi previsti dall'articolo 87, paragrafi 2 e 3, del trattato, alcune misure possono essere considerate, in deroga, compatibili con il mercato comune.

22)

Nel caso in specie, tenuto conto delle informazioni disponibili, l'unica deroga che si potrebbe invocare è quella dell'articolo 87, paragrafo 3, lettera c), del trattato, secondo cui possono essere considerati compatibili con il mercato comune gli aiuti destinati ad agevolare lo sviluppo di talune attività o di talune regioni economiche, sempre che non alterino le condizioni degli scambi in misura contraria al comune interesse.

23)

Affinché tale deroga sia applicabile, è necessario che la Commisione non nutra alcun dubbio in merito alla problematica della compatibilità delle misure previste.

24)

Poiché attualmente le autorità italiane non hanno trasmesso nessuna informazione che giustifichi le suddette misure alla luce delle norme applicabili in materia di aiuti di Stato — segnatamente il punto 11.4 degli Orientamenti comunitari per gli aiuti di Stato nel settore agricolo (10) — e degli Orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà (11), la Commissione nutre effettivamente dei dubbio per quanto riguarda la compatibilità della misura proposta con il mercato comune.

25)

La Commissione ha pertanto deciso di avviare il procedimento di indagine previsto dall'articolo 88, paragrafo 2, del trattato.

26)

Tenuto conto delle considerazioni sopra esposte, la Commissione invita le autorità italiane, nell'ambito del procedimento di cui all'articolo 88, paragrafo 2, del trattato, a presentare le proprie osservazioni ed a trasmettere qualsiasi informazione utile ai fini della valutazione della misura entro un mese a decorrere dalla data di ricezione della presente. Essa invita altresì le autorità del Suo paese a trasmettere immediatamente copia della presente ai potenziali beneficiari dell'aiuto.

27)

La Commissione rammenta alle autorità italiane l'effetto sospensivo dell'articolo 88, paragrafo 3, del trattato CE e si richiama all'articolo 14 del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio secondo cui ogni aiuto illegale può costituire oggetto di recupero presso il beneficiario.

28)

Con la presente, la Commissione avvisa le autorità italiane che informerà gli interessati tramite la pubblicazione della presente lettera e di un riepilogo della medesima nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea. Essa informerà altresì gli interessati nei paesi dell'EFTA che hanno firmato l'Accordo SEE tramite la pubblicazione nel supplemento SEE della Gazzetta ufficiale nonché l'Autorità di vigilanza EFTA tramite copia della presente. Tutti gli interessati sopra citati saranno invitati a presentare le proprie osservazioni entro un mese a decorrere dalla data della presente pubblicazione.’


(1)  Official Gazette of the Italian Republic of 30.11.2005, general series No 279, p. 44.

(2)  Official Gazette of the Italian Republic of 26.1.2006, general series No 21, p. 50.

(3)  Official Gazette of the Italian Republic of 11.3.2006, ordinary supplement No 58.

(4)  OJ C 28, 1.2.2000, p. 2.

(5)  OJ C 244, 1.10.2004, p. 2.

(6)  Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana del 30.11.2006 — serie generale — n. 279, pag. 44.

(7)  Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana del 26.1.2006 — serie generale — n. 21, pag. 50.

(8)  Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana dell'11.3.2006; supplemento ordinario n. 58.

(9)  Segnatamente con lettera D(2005)38372 del 12.12.2005 (rif. AGR 31606), con fax D(2006)9256 del 20.3.2006 (rif. AGRI 7800), entrambe della direzione generale dell'Agricoltura e dello sviluppo rurale e con lettera B4* D(2006)1927 del 12.4.2006 della direzione generale dello Sviluppo.

(10)  GU C 28 dell'1.2.2000, pag. 2.

(11)  GU C 244 dell'1.10.2004, pag. 2.